Antonio Cantore

Maggior generale
nato il 4 agosto 1860 a Sampierdarena (GE)
caduto il 20 luglio 1915 a Forcella di Fontananegra

v. anche:

CantoreFrequentò la Scuola Militare di Modena uscendone nel 1886. Da ufficiale inferiore prestò servizio in reparti di fanteria, passato maggiore, dopo aver frequentato la Scuola di Guerra, prestò servizio nei reparti alpini e vi rimase sino al grado di colonnello; fu tra l’altro il primo comandante dell’8° Reggimento Alpini nel 1909. Si distinse particolarmente durante la guerra italo-turca, meritando nel 1913 la nomina a cavaliere ufficiale dell’O.M.S. (Ordine Militare di Savoia) per alcuni fatti d’arme in Libia. Promosso maggior generale nel 1914, comandò dapprima la Brigata di Fanteria Pinerolo poi la 3a Brigata Alpini, sempre in Libia, da dove rimpatriò nell’estate del 1914. Iniziò la guerra contro l’Austria come comandante di una Brigata con la quale varcò il confine in Val Lagarina, occupando Ala dopo breve e deciso combattimento e puntando su Trento. Spostato a comandare la 2a Divisione di Fanteria in Val Boite, nel Cadore, cadde colpito da un cecchino, primo generale italiano caduto nella grande guerra.

cappello Cantore
Il cappello del generale Cantore con il foro del proiettile esattamente al centro del fregio

Motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare:

Esempio costante e fulgido d’indomito ardimento alle sue truppe, le condusse attraverso regioni difficilissime, ove il nemico si era annidato, riuscendo a sloggiarlo. Cadde colpito da palla nemica sull’osservatorio, dal quale esplorava e preparava nuovi ardimenti.” 
Monte Tofane, 20 luglio 1915

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close