Comunicazione del Presidente sezionale ai Capigruppo

Ai Capigruppo
Ai Consiglieri Sezionali
Ai Capisettore

Cari Capigruppo,

penso che avrete letto il messaggio del nostro presidente Favero riguardo alle ipotesi di riapertura di sedi Sezionali e di gruppo.

Desidero scrivervi anch’io, conoscendo la realtà della nostra sezione e dei nostri gruppi.

È molto doloroso dovervi dire che per quest’anno i nostri incontri, stare insieme, ricordare… vivere le nostre tradizionali feste e la nostra alpinità, stanno diventando un sogno irrealizzabile. Non solo la normativa vigente ce lo impedisce, ma anche i sindaci dei nostri paesi, a malincuore, non ci consentirebbero di far nulla.

Non so per adesso cosa faremo a novembre per il nostro centenario. Presto faremo un consiglio di presidenza e poi, appena possibile, un consiglio direttivo sezionale per affrontare l’argomento. Io voglio ancora sperarci. È per noi una grande occasione, ma perdurando questo stato di cose non dobbiamo illuderci troppo. Vedremo. E altrimenti sarà per il 2021.

Desidero soffermarmi sulla riapertura delle sedi dei gruppi. Vi prego di leggere con attenzione il messaggio di Favero e di telefonarmi in caso di dubbi.

Anche se tutti desideriamo riprendere a stare insieme è bene che i capigruppo valutino con attenzione la logistica della sede e la possibilità di rispettare le regole attualmente vigenti. Nel dubbio, rapportatevi con i vostri comuni e chiedete una ispezione preventiva della polizia municipale. È una precauzione che potrà rendere più serena la vostra decisione. Non esitate a contattarmi in qualsiasi momento.

Probabilmente dovremo fare l’assemblea dei delegati entro fine giugno. Valuteremo come e dove farla per rispettare le norme di sicurezza. Forse ci sarebbe la possibilità di farla inviandovi la relazione morale e finanziaria da approvare o contestare, ma devo dirvi che è una soluzione che non mi piace.

Ho il grande desiderio di vedervi, di parlare, insomma di essere alpini come sempre siamo stati.

Dicono che il mondo è cambiato. Ma nella storia dell’umanità le malattie hanno fatto certo tantissimi morti, ma nessuna, mai, è riuscita a cambiare il mondo. E io dico, meno che mai riuscirà a cambiare il nostro mondo di Alpini.

In attesa di potervi vedere al più presto vi mando il più grande e stretto abbraccio alpino.

Il vostro Presidente

Stefano Pansini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close