1916. L’Italia impara a fare la guerra

La Casa editrice Mazziana di Verona ha recentemente pubblicato il libro “1916. L’Italia impara a fare la guerra”.

Riportiamo le note inviateci dall’editore:

Questo libro nasce dal fortunato ritrovamento, in buone condizioni, di circa trecento vetrini stereoscopici nel patrimonio lasciato in eredità dal tenente generale medico Vittorio Napoleone Darra (1859-1934), ora custoditi presso la Biblioteca storica Antonio Spagnolo di Verona. 

In particolare duecento di queste immagini si riferiscono alla Grande Guerra, durante la quale Darra assunse responsabilità di rilievo nel Sevizio sanitario dell’Esercito.

Dalle didascalie, manoscritte su alcune di esse, risulta che sono opera di più mani (si suppone dei fotografi) messe insieme in un’unica raccolta da Darra. Inoltre tutte le date che vi si riscontrano fanno riferimento al 1916 come anno in cui le immagini sono state scattate. Ripulite e ottimizzate, ora costituiscono il primo pregio di quest’opera. 

Il lavoro redazionale di appassionati e specialisti ha permesso di riconoscere luoghi e personalità e soprattutto di comprendere come durante quell’anno l’Italia ha imparato a fare la guerra.

Questi i capitoli del libro: La trincea, La montagna, La strafexpedition, Carnia e Isonzo, Albania e Salonicco, Gorizia, Ufficiali e personalità, L’artiglieria, Aviazione e Marina, il Servizio sanitario.

Oltre a queste brevi note illustrative, l’editore allega uno specimen con alcune pagine del libro e le condizioni di vendita cui viene proposto all’Associazione Nazionale Alpini.

Ecco i link:

Un pensiero riguardo “1916. L’Italia impara a fare la guerra

I commenti sono chiusi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close